Archivi per la categoria ‘Studi e Analisi’

Il gruppo sudafricano SabMiller, secondo produttore di birra al mondo a cui fanno capo i marchi Foster, Peroni, Nastro Azzurro e Pilsner Urquell, ha accettato l’offerta d’acquisto da 90 miliardi di euro (68 miliardi di sterline) lanciata dal leader mondiale, l’anglo-belga Anheuser-Busch InBev [1]. Che tra i suoi 200 brand conta Becks, Budweiser, Corona e Stella Artois. Dall’operazione nascerà il nuovo numero uno al mondo, che avrà una capitalizzazione superiore ai 250 miliardi e produrrà un terzo delle bottiglie vendute. Si tratta della terza acquisizione più grande della storia. L’operazione sarà più grande dell’acquisto di 62 miliardi di euro di BG Group Plc fatta dal Gruppo Dutch Shell Plc.


SPONSOR

SPONSOR


Leggi il resto di questo articolo »


SPONSOR

SPONSOR


Rating 3.00 out of 5

Un deciso rialzo dei tassi e della curva degli stessi per scadenza sono il risultato delle copiose vendite sui bond europei, siano essi “core” (soprattutto il bund), sia dell’area mediterranea, cioè i cosiddetti “periferici”.

Esaminando la curva dei tassi tedesca, si osserva come lo spread tra la scadenza decennale e quella a due anni, si sia innalzato bruscamente nelle ultime 2 settimane( circa 90 punti base). Di conseguenza in pochi giorni i tassi dei bund a 10 anni sono passati da livello “zero” a quasi lo 0,70%. Pertanto la forbice tra rendimenti a breve ed a lunga si è pesantemente aperta per l’incremento della parte lunga della curva, come spesso accade in queste circostanze.

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 3.00 out of 5

Dopo la pausa pasquale la Borsa di New York ha riaperto incurante della delusione per l’esiguo numero di nuovi occupati statunitensi, con un indice S&P 500 stabile sui 2000 punti e dollaro resistente alla soglia di 1,10 contro euro.

Anzi, dopo il buon andamento di marzo del settore servizi, che rappresenta gran parte del PIL americano, gli investitori sembrano aver interpretato il recente rallentamento conseguenza delle avverse condizioni climatiche e degli scioperi dei portuali.

Inoltre i verbali della Fed di mercoledì hanno allontanato le riserve sulla solidità della ripresa; il biglietto verde ha risposto apprezzandosi facendo leva anche sulle richieste di sussidi settimanali inferiori alle attese.

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 3.00 out of 5

La crisi finanziaria di Atene, ancora in attesa dell’OK all’esborso dei fondi da UE e FMI necessari per fronteggiare le imminenti scadenze, non ha alcuna ripercussione negativa sui bond della Zona Euro che festeggiano l’avvio del QE: l’azione iniziata il 9 dicembre scorso prosegue, provocando una vera rivoluzione sulla curva dei rendimenti dei titoli di stato italiani.

Il rendimento del BTP trentennale oggi è sceso per la prima volta nella storia sotto la soglia del 2%. Il rendimento del BTP a10 anni è sul nuovo minimo storico dell’1,10%. L’asta di metà marzo sui BOT ha visto il tasso del 12 mesi scendere allo 0,079%.

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 3.00 out of 5

Created and Administrated by G. C.