Archivi per la categoria ‘Strumenti Finanziari’

Il metallo prezioso scivola a quota 1250 USD, sui minimi da inizio febbraio; la performance da inizio anno risulta ancora positiva ma dai massimi di metà marzo si registra una caduta del 10%.

Il 2013 è stato archiviato con un pesante -28%, interrompendo bruscamente 12 anni consecutivi di rialzi. Sembra quasi aver perso del tutto le sue funzioni di bene rifugio esaltate in occasione della crisi dei subprime e solo parzialmente nel pieno della crisi dei debiti sovrani.


SPONSOR

SPONSOR


Tensioni geopolitiche (come le crisi in Libia, in Ucraina, etc.) e scenari deflattivi non ne hanno rinvigorito le quotazioni. Peraltro è bastato un timido rimbalzo del dollaro americano per far franare le quotazioni sotto il delicato supporto posto a 1260 USD.

Leggi il resto di questo articolo »


SPONSOR

SPONSOR


Rating 4.00 out of 5

Le obbligazioni strutturate sono così definite poiché derivanti dall’unione di un’obbligazione plain vanilla (obbligazione ordinaria) e di uno o più strumenti derivati. Si tratta di titoli innovativi, caratterizzati dal un elevato grado di rischio e un basso livello di standardizzazione.

Le obbligazioni linked sono titoli a capitale garantito, l’investitore ha dunque la certezza di ricevere alla scadenza un importo pari al capitale investito (almeno in termini nominali). Sono obbligazioni cui rendimento è collegato all’andamento di una o più attività sottostanti rappresentate da prodotti finanziari o reali, quali azioni o paniere di azioni, indici, tassi di cambio, merci, fondi comuni di investimento.

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 4.60 out of 5

Per Net Asset Value, meglio noto con l’acronimo di NAV, si intende l’indicatore che misura il patrimonio netto di un fondo di investimento, sia esso a gestione attiva o passiva (come per gli ETF, ETN ed ETC), ma anche il valore della quota di un fondo di investimento al netto delle spese di gestione.

Il NAV pro quota si calcola come differenza fra il valore totale dell’attivo del fondo (azioni, obbligazioni ed altri strumenti finanziari a seconda della tipologia del fondo) e il valore totale del passivo del fondo (come ad esempio le commissioni, le tasse ed altre spese sostenute dal fondo stesso), diviso per il numero di quote in circolazione del fondo d’investimento:

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 4.00 out of 5

Le azioni che promettono di creare valore nel tempo vengono spesso trascurate rispetto a quelle “Growth”, più aggressive e che promettono una crescita più rapida e rendimenti maggiori in un’ottica di breve periodo. Ma nel medio e lungo periodo sono le “Value” quelle che regalano le maggiori soddisfazioni.

Insomma la caccia al valore paga, soprattutto se l’investitore ha un ottica di investimento di lungo periodo e non si pone limiti geografici. Non è perciò un caso che a vincere il Morningstar Award per il miglior fondo azionario internazionale, sia stato un fondo “value” che punta alle blue chips di tutto il mondo, caratterizzate da un modello di business chiaro, una contabilità ordinata ed una crescita stabile degli utili.

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 3.00 out of 5

Created and Administrated by G. C.