Archivi per la categoria ‘Mercato USA’

Per le borse mondiali è stato il peggior gennaio dalla crisi del 2009. L’indice complessivo MSCI World è sceso del 7,8% dal 31/12/2015, ma il FTSE Mib ha fatto peggio con un calo del 12,9%.

L’epicentro della turbolenza, Shanghai, ha registrato un -22%. E’ stato quindi un mese davvero difficile caratterizzato da estrema volatilità, anche infragiornaliera. Per quanto concerne Piazza Affari i peggiori titoli sono tutti bancari con l’aggiunta di Saipem arrivata all’appuntamento con l’aumento di capitale, stremata da una discesa “senza fine” del prezzo del petrolio.


SPONSOR

SPONSOR


Tra i migliori invece le due utility nazionali Snam e Terna, che hanno beneficiato dei bassi tassi di interesse e di alcune decisioni favorevoli circa le nuove tariffe a partire dal 2016. Entrambe a gennnaio hanno segnato nuovi massimi storici. Positive anche Moncler, Campari e Tod’s, nonostante quest’ultima abbia evidenziato un -1,7%.

Leggi il resto di questo articolo »


SPONSOR

SPONSOR


Rating 3.00 out of 5

L’anno appena conclusosi è stato positivo per le Borse europee, con Piazza Affari miglior indice. Minore è stata la performance per il principale indice statunitense S&P 500: la differenza fra le due sponde dell’Atlantico è stata però compensata dall’effetto cambio dove il rapporto EUR/USD ha visto un rafforzamento del biglietto verde che ha reso sostanzialmente analoghe le performance azionarie delle due aree, misurata con pari valuta.

Per il 2016 la maggior parte degli strategist continua a sostenere una prefenza per l’Area Euro rispetto a quella del dollaro, complice la divergenza delle politiche monetarie tra la Banca Centrale Europea e la Federal Reserve, molto espansiva la prima, neutrale o restrittiva la seconda.

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 3.00 out of 5

È il primo rialzo dei tassi dal giugno 2006. Con un aumento del costo del denaro di 25 punti base in un range tra 0,25% e 0,50% si è interrotta la politica dei tassi ZERO cominciata nel dicembre 2008 come risposta alla crisi finanziaria globale innescata dal fallimento della Lehman Brothers del settembre 2008.

Nell’annunciare l’intervento la banca centrale americana ha sottolineato che i prossimi rialzi dei tassi di interesse saranno “solo graduali” in fase alle previsioni sull’economia e che la decisione è stata presa all’unanimità. Il messaggio è che finalmente la prima economia mondiale può stare in piedi da sola senza bisogno di politiche monetarie straordinarie, ben presente comunque che i nuovi tassi restano a livelli storicamente bassissimi.

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 3.00 out of 5

Le scorte settimanali di greggio USA hanno segnato una contrazione più consistente del previsto (-2,7 milioni di barili contro stime di -1,7 milioni ).

Il petrolio tipologia Wti si è portato così non lontano dai massimi 2015 (62,58 USD), come noto l’Opec, associazione che raggruppa i più importanti produttori mondiali, ha deciso di mantenere inalterata l’attività produttiva influenzando negativamente la ripresa delle quotazioni dell’oro nero.

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 3.00 out of 5

Created and Administrated by G. C.