Archivi per la categoria ‘Mercato Italiano’

Lo sviluppo industriale diede un forte stimolo alle assicurazioni. Sorsero nuovi bisogni che si fecero sempre più impellenti con l’affermarsi di tale processo. Precedentemente, la vita era basata prettamente sui frutti della terra e la navigazione marittima era l’ambito dove l’assicurazione operava maggiormente, mentre l’assicurazione sulla vita e quella contro il rischio degli incendi erano poco diffuse. La sicurezza delle famiglie agricole risiedeva sulle proprietà terriere e sull’assistenza pubblica.


SPONSOR

SPONSOR


Leggi il resto di questo articolo »


SPONSOR

SPONSOR


Rating 3.00 out of 5

Dal 1° dicembre scorso Borsa Italiana ha iniziato ad accogliere le prime domande di ammissione al nuovo segmento di negoziazione “OICR Aperti” e – una volta concluse le procedure di autorizzazione – nei primi mesi 2015 assisteremo ai primi scambi in borsa di quote di Fondi Comuni d’Investimento.

Un passaggio questo che, seppur lentamente, dovrebbe consentire un ulteriore sviluppo al settore e la crescita delle opportunità di investimento per i risparmiatori, portando altresì maggior competizione tra case d’investimento, più trasparenza nella struttura dei costi e maggior facilità di comparazione dei prodotti.

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 3.00 out of 5

La Banca Centrale Europea lascia il “Refi”, il tasso di rifinanziamento,  al minimo storico dello 0,05% .

Il Tasso Refi rappresenta il valore indicizzato che le banche sono tenute a pagare quando prendono in prestito il denaro dalla BCE, quindi nel momento in cui gli istituti di credito si trovano a dover affrontare momenti di crisi di liquidità e sensibili alla variazione del refi sono soprattutto i tassi interbancari, come l’Euribor,  il tasso di interesse medio delle transazioni finanziarie in Euro tra le principali banche europee.

Inflazione e dinamica del PIL a livelli bassi, inducono a ricorrere a misure di allentamento della politica monetaria.

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 3.00 out of 5

Finale di settimana scoppiettante per le Borse europee, dove spicca in particolare Piazza Affari: l’indice FtseMIB ha chiuso la seduta in rialzo del 3,80% sulle attese di nuove misure di stimolo all’economia entro breve da parte della Banca Centrale Europea.

Le recenti dichiarazioni di Draghi hanno trovato sponda nella decisione della Banca Centrale cinese di abbassare il tasso di riferimento di 0,4 punti percentuali (portandolo al 5,6%) e i tassi di remunerazione dei depositi.

L’effetto congiunto delle due iniziative ha funzionato da propellente per il rialzo delle Borse: Parigi + 2,7% – Francoforte +2,6% – Madrid + 3,2% e Londra (fuori dall’euro) +1,1%. La moneta unica si è indebolita nettamente nei confronti del dollaro scendendo a 1,239 da 1,253 della chiusura precedente. Spread sui titoli di stato italiani a quota 143 (-6 punti base) con rendimento del btp decennale al nuovo minimo storico del 2,20%.

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 3.00 out of 5

Created and Administrated by G. C.