Archivi per la categoria ‘Mercato Italiano’

All’inizio furono i Mutui Subprime, poi il fallimento della banca d’investimenti Lehman Brothers, quindi la crisi di Dubai ed in contemporanea quella della Grecia, i crac dell’Irlanda e del Portogallo e la minaccia all’Italia ed alla Spagna. La Federal Reserve (la banca centrale USA) avvia una serie di tagli ai tassi di interesse, ma ormai la bolla è scoppiata e gli interventi si perdono nel vuoto. Siamo ancora nel 2007; la crisi finanziaria non si placa.


SPONSOR

SPONSOR


Nel 2008 le grandi istituzioni finanziarie americane annunciano ulteriori svalutazioni miliardarie. Fannie Mae e Freddie Mac, agenzie di credito ipotecario controllate dallo Stato, sono ormai diventate insolventi: il loro salvataggio avviene attraverso un piano da 200 miliardi di dollari. Finiranno in amministrazione controllata. Lehman Brothers diventa il più grande fallimento della storia con un passivo di oltre 600 miliardi di dollari americani.

Leggi il resto di questo articolo »


SPONSOR

SPONSOR


Rating 3.00 out of 5

Si è spesso sentito parlare dei Mutui Subprime americani, come peccato originale della crisi finanziaria del 2008. Ma che cosa sono veramente?

In poche parole sono mutui ipotecari, dove la parola Subprime significa letteralmente “di seconda scelta”. La crisi è nata proprio dalla bolla del mercato immobiliare americano, dove la competizione per fare numeri nel breve termine da parte delle istituzioni finanziarie americane ha portato le stesse ad erogare mutui a chiunque, fregandosene di verificare la capacità di rientro dal mutuo del cliente, semplicemente perchè lo stesso mutuo era coperto da ipoteca sulla casa e nel momento in cui il mutuatario non fosse riuscito a pagare la rata, la banca sarebbe rientrata in possesso dell’immobile.

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 3.67 out of 5

Da qualche anno a questa parte, “SPREAD” è diventata una parola alquanto inflazionata. Ma cosa significa veramente e perchè è così importante?

Letteralmente “differenziale”, in questa accezione si intende la differenza dei rendimenti fra la media dei titoli obbligazionari statali a 10 anni di un Paese di riferimento e quelli di un’altra Nazione.

Nel caso particolare il Paese di riferimento per l’Europa è la Germania, afferente all’Unione Monetaria Europea (cioè che ha l’Euro come moneta circolante), che ha rating (giudizio) migliore per quanto riguarda la propria economia e che quindi può finanziarsi ad un tasso molto basso grazie proprio alla sua amministrazione ed economia più virtuose e solide rispetto agli altri Stati dell’Unione.

Leggi il resto di questo articolo »

Rating 3.00 out of 5

Created and Administrated by G. C.