Altro

Un deciso rialzo dei tassi e della curva degli stessi per scadenza sono il risultato delle copiose vendite sui bond europei, siano essi “core” (soprattutto il bund), sia dell’area mediterranea, cioè i cosiddetti “periferici”.

Esaminando la curva dei tassi tedesca, si osserva come lo spread tra la scadenza decennale e quella a due anni, si sia innalzato bruscamente nelle ultime 2 settimane( circa 90 punti base). Di conseguenza in pochi giorni i tassi dei bund a 10 anni sono passati da livello “zero” a quasi lo 0,70%. Pertanto la forbice tra rendimenti a breve ed a lunga si è pesantemente aperta per l’incremento della parte lunga della curva, come spesso accade in queste circostanze.


SPONSOR

SPONSOR


Ciò risulta simile nel resto d’Europa (Inghilterra compresa) e negli Stati Uniti. È uno scenario che emerge in momenti di turbolenza, almeno nel breve periodo, e non tocca il solo comparto obbligazionario visto quanto sta accadendo da qualche giorno sulle Borse.

Riguardo alle azioni Europee il discorso “tassi” è stata l’occasione in qualche caso per dare il via a prese di beneficio; ci sono però due comparti che potrebbero reggere meglio della media questa volatilità. Infatti l’inclinazione progressiva della curva dei tassi dovrebbe rendere più profittevole l’attività di banche ed assicurazioni, i cui guadagni sono in gran parte generati dalla “gestione del denaro”.

Non è quindi un caso se da qualche settimana i ratio di forza relativa di tali settori, a livello europeo, stiano recuperando terreno nei confronti del mercato in generale.

Fonte: Websim

(Franco C.)

[RIPRODUZIONE RISERVATA - ATTENERSI A NORME SU COPYRIGHT]

Rating 3.00 out of 5

Articoli correlati :

Lascia un Commento

Created and Administrated by G. C.