Altro

La debolezza del ciclo economico mondiale, accompagnata dalla drastica caduta del prezzo del greggio e delle materie prime in genere, sta spingendo il valore dei rendimenti obbligazionari su livelli innaturali, fotografia del difficile momento.

I risparmiatori focalizzati sulle obbligazioni stanno sperimentando ingenti guadagni in conto capitale, grazie alla riduzione degli yield, ma alla fine di questo movimento dovranno chiedersi cosa fare. Il decennale tedesco rende lo 0,37% e le paragonabili emissioni di diversi Paesi dell’Eurozona offrono rendimenti inferiori all’1%.


SPONSOR

SPONSOR


Tra le emissioni più generose spiccano i Treasury USA con un circa 1,8% annuo, mentre desta curiosità il fatto che il titolo decennale svizzero esponga un rendimento annuo negativo del -3%: in pratica l’investitore paga il debitore per detenere i titoli emessi, con la speranza che la valuta si apprezzi oppure che l’ulteriore discesa ripaghi il rischio intercorso.

Appare evidente la necessità di individuare attività finanziarie che offrano rendimenti annui positivi e significativi, in grado di compensare, peraltro, la pressione fiscale: inevitabile quindi l’innalzamento del proprio livello di rischio.

Fonte: stralcio da articolo di Norisk per Websim

(Franco C.)

[RIPRODUZIONE RISERVATA - ATTENERSI A NORME SU COPYRIGHT]

Rating 3.00 out of 5

Articoli correlati :

Lascia un Commento

Created and Administrated by G. C.