Altro

I contratti Forward - in italiano chiamati anche contratti a termine poichè gli effetti fra le parti si hanno alla scadenza del contratto stesso – sono dei contratti finanziari derivati ove, secondo la teoria, due controparti si impegnano a scambiarsi a scadenza ed a prezzi prefissati uno specifico bene sottostante.

Sono degni di nota in quanto sono la base per gli scambi nel mercato mondiale delle valute, cioè il FOREX. Infatti possono essere distinte due specifiche operazioni forward, quelle Spot e quelle Outright, una l’opposto dell’altra: ad esempio per quanto riguarda le valute, lo Spot è lo scambio di due valute con consegna a due giorni lavorativi dopo il contratto, mentre l’Outright è la stessa operazione ma di segno inverso e ad almeno tre giorni lavorativi dopo il contratto stesso. In pratica la controparte che acquista “Euro” a prezzo a pronti e vende “Dollari USA” a prezzo Spot si impegna con questo contratto ad effettuare l’operazione inversa a termine (Outright) e cioè a vendere “Euro” ed acquistare “Dollari USA”.

Ovviamente il cliente di un broker FOREX o di una banca che esegue operazioni di compravendita di coppie di valute (i cosìddetti “Cross Valutari”) non si accorge di nulla e la sua operatività non è minimamente toccata, ma i broker o le banche in questione utilizzano questi tipi di contratti per mettere in atto le operazioni di compravendita per il cliente.


SPONSOR

SPONSOR


Per esemplificare:

Siccome nel FOREX, ad esempio riguardo alla coppia di valute “Euro/Dollaro USA” (denominato ufficialmente EUR/USD), è possibile prendere una posizione “lunga” (cioè credere nel rialzo del valore della coppia, ad esempio da 1,25 a 1,27) ma anche prendere una posizione “corta” (cioè credere nel ribasso del valore della coppia, ad esempio da 1,25 a 1,23), il valore finale del contratto sarà determinato da: prezzo a pronti del sottostante a scadenza – prezzo forward stabilito dalle parti.

Se questa differenza è positiva, guadagna chi ha assunto una posizione lunga; invece se la differenza è negativa, guadagna chi precedentemente ha assunto una posizione corta.

Per quanto riguarda le posizioni assunte sulla coppia EUR/USD: (rimandiamo all’articolo ad hoc per una trattazione più completa)

Posizione “lunga” = acquistare la coppia = credere nel rialzo della coppia = credere che il Dollaro USA perda nei confronti dell’Euro.

Posizione “corta” = vendere la coppia (chiaramente anche se non si possiede, come “vendere allo scoperto”) = credere nel ribasso della coppia = credere che il Dollaro USA guadagni nei confronti dell’Euro.

[RIPRODUZIONE RISERVATA - ATTENERSI A NORME SU COPYRIGHT]

Rating 3.00 out of 5

Articoli correlati :

Lascia un Commento

Created and Administrated by G. C.